quadriitaliani.it

Rassegna di pittori italiani

Solo quadri di artisti che utilizzano un linguaggio pittorico chiaro e aderente alla realtà.  Immagini, ma anche conversazioni e saggi su tecnica e interpretazione della pittura e della storia dell'arte.

Telefono (+39) 3358040811

Il gran grido è una poesia scritta da Don Clemente Rebora in occasione del primo centenario del transito del Beato Antonio Rosmini. 

Una frase che ritengo particolarmente significativa questo rivoluzionario poeta l'ha scritta nel suo "curriculum vitae":
Ferma il mio dire, se non dico il vero.

La ricerca della verità, è questa la vera rivoluzione della vita. L'uomo, o meglio la grande maggioranza degli uomini, ha un solo obiettivo: diventare più ricco degli altri. E' possibile diventare ricchi sfruttando una idea geniale, facendo scoperte o brevettando qualcosa di originale, ma queste strade sono riservate a pochi eletti. Per molti la strada è una sola: imbrogliare il prossimo. Ecco che ricercare la verità, studiare la realtà sono azioni che economicamente non rendono, quindi pochissime persone si dedicano. Clemente Rebora lo ritengo un grande poeta proprio perché si inserisce di pieno diritto tra queste pochissime persone.
Riporto ora una sua poesia dedicata al Beato Antonio Rosmini (1797 - 1855), l'uomo che Rebora ha conosciuto attraverso i suoi numerosi scritti.  

 rosmini antonio Rovereto 1797 Stresa 1855

Per il Centenario del transito di Antonio Rosmini

I

Gesù mandò il gran grido.

Rende lo spirito al Padre.

Immenso silenzio improvviso:

via fugge, snidata, la morte:

addensate dal giorno

le tenebre, il sole le squarcia:

si squarcia il velo del Tempio.

Immobile è tutto,

un istante che è eterno:

il Sangue, solo, si muove,

l’inesausto amor del Signore

che pende regale

aperte le braccia ai fratelli

verso la Madre nel parto.

Ora ascende, ascende il Calvario,

paradiso pieno di dolore:

in un gemer di tutto il creato,

la terra sussulta,

si spezzan le pietre,

nelle tombe esultano i santi;

rincasa la gente, battendosi il petto:

poca rimane, rapita nel pianto:

i crocifissi languenti

stan come assorti;

e nell’immane momento,

il Centurione, di fronte alla Croce,

sgomento, dice, gloriando, coi suoi:

   Veramente era il Figlio di Dio.-

II

Grandeggia il gran grido

del Crocifisso Amatore:

uno, primizia, risponde

e lapidato amando lo affonde.

Risuona più intenso il gran grido

del sanguinante Amore,

ed è martirio e letizia a chi l’intona,

comunione buona

d’unanimi figli di luce;

invano, nell’ora illusoria,

perché non si senta il gran grido

fa ressa il maligno aizzando

il frastuono del mondo;

ma scoppia quel grido a richiamo

dal cuore di miti fratelli,

e si fa vera storia:

ascende quel grido nel tempo

con impeti a gemiti e fremiti nuovi

verso l’avvento di Lui nella gloria:

Siam fatti per Te, o Signore,

e inquieto è il cuor nostro

fin che in Te non riposi.-

- Pregare, Signore, e lavorare.-

- Pace e bene, Signore.-

- Non altro compenso che Te, Signore.-

- Ha da ardere il fuoco, Signore.-

- Esser per Te disprezzato, o Signore.-

- O patire o morire, Signore.-

- Patir, Signore, e non morire.-

- A tua maggior gloria, Signore.-

- Non chieder, né rifiutar, Signore.-

- Anima dammi, Signore, e togli il resto.-

III

Così crescendo palpita il gran grido

in un magnanimo coro di santi:

è Gesù sulla Croce morente

in un’epifania di amore,

è Gesù, che dall’altare chiama

la gente smarrita e gli erranti

in un’effusione di vita,

mentre si avanza il giorno che non tarda.

Ed ecco un’umile voce si aggiunge:

par solitaria nel suo grave tono,

quasi in pace sapiente senza pena,

ma tanto è piena dell’ansia di tutti:

voce di un genio sovrano

splendente d’umano e divino sapere,

d’uno che, fisso al Volto di Dio,

al Crocifisso Amor infinito,

legga, adorando, tacendo, gridando -

nel Trinitario circolar mistero

la verità delle infuocate nozze;

poi, nel sofferto pensiero profondo

la carità di quel gran grido assomma,

di quell’unico grido si colma,

e inebriato del sangue del perdono,

maternamente mosso da Maria,

in una sola ingenua richiesta

con slancio di figlio profondo:  - Padre,

vedi il fondo dell’anima mia,

fammi buono! –

Stresa, settembre 1953

      Don Clemente Maria Rebora

gran grido 01 don clemente rebora

gran grido 02 don clemente rebora

gran grido 03 don clemente rebora

gran grido 04 don clemente rebora

gran grido 05 don clemente rebora

In queste immagini il manoscritto di Don Clemente Rebora

 

rebora clemente franco esposito stresa

Chi è Don Clemente Maria Rebora?

 

Clemente Maria Rebora è nato a Milano il 6 gennaio 1885. Giovanissimo, inizia la sua attività di scrittore collaborando al periodico “La Voce” diretto da Prezzolini nei primi anni del ventesimo secolo. Sviluppa le sue capacità narrative e si dedica anche alla poesia. Nel  1913 pubblica la raccolta “Frammenti  lirici”. Allo scoppio della prima guerra mondiale viene arruolato come sottotenente e nel 1916, in seguito ad un colpo di cannone dell'artiglieria costiera austro-ungarica, riporta un grave trauma cranico. Viene ricoverato in diversi ospedali militari fino al 1919, quando sarà riformato dal servizio. Il grave trauma non gli impedisce di riprendere le sue attività. Tra il 1919 e il 1928 si dedica all'insegnamento, tiene conferenze e dirige, per l'editore Paravia, la collana "Maestri di Vita". Nell’anno dell’ascesa del fascismo (1922) pubblica la sua seconda raccolta di poesie dal titolo “Canti anonimi”. Proprio dalla lettura di queste poesie si comprende che Clemente Rebora è coinvolto in una profonda crisi spirituale che lo porterà ad abbracciare in pieno la religione cattolica. Nel 1930 diventa novizio nel Collegio Rosmini. Nel 1936 diventa sacerdote rosminiano a Domodossola (VB).  Viene accolto nel Centro Internazionale di studi rosminiani a Stresa, sul lago Maggiore. Per circa vent’anni non da alle stampe alcun testo, poi pubblica “Canti dell’infermità” e “Curriculum vitae”. E’ morto a Stresa il primo novembre 1957.

 

 

Padre Umberto Muratore, Superiore dei Rosminiani, in occasione della beatificazione di Antonio Rosmini pubblicò il libro "Il grande grido".  La beatificazione di Rosmini avvenne il 18 novembre 2007; il libro di Padre Umberto Muratore è del 2008.

Ti potrebbe anche interessare:

Lettera di Franco Esposito a Don Clemente Rebora

Nebbie lombarde di Franco Esposito

Natale sul lago

PER ESPORRE ALL'ARCOIRIS GALLERY

Se sei un pittore
e sei interessato
ad esporre a Reggio Emilia
leggi l'articolo e contattaci.
3474454362
3358040811 

Carlo Govoni pittore è su Facebook

facebook-govoni-quadriitaliani

Carlo Govoni pittore
lo trovi anche su
Facebook

https://www.facebook.com/Carlo-Govoni-pittore-273732089434160/

 danzatrice-ventre-govoni

Arte e Salute

Arte e Salute è una rubrica a cura di Carlo Govoni sulla rivista DIAGNOSI & TERAPIA. La rivista è in distribuzione gratuita nelle migliori farmacie. Potrete anche trovarla al sito http://www.det.it/

logoDiagnosiTerapiaP2

Un articolo sulla "fruttiera di persici" di Ambrogio Figino, è presente sul numero 9 del 20 novembre 2016 a pagina 11

Figino Ambrogio fruttiera persici

 

Potete trovare un articolo sulla malattia nei bambini.

Sul numero di marzo 2018 è pubblicato un articolo ispirato al quadro "il buon samaritano" del pittore friulano Nicola Grassi

grassi nicola buon samaritano

Nella sezione Arte & Salute troverete articoli sulla notte di Natale del Correggio, sul medico Jgnàc Semmelweis, sul freddo e l'inverno e sulla nascita della Croce Rossa. 

Altre esposizioni d'Arte consigliate da quadriitaliani.it

La fragilità della bellezza
Venaria Reale (Torino)

Oltre 80 opere recentemente restaurate
info  +39 011 4992333

 

 

ROMANTICISMO
Milano - Museo Poldi Pezzoli
dal 26 ottobre 2018
al 17 marzo 2019

 

DA TIZIANO A VAN DYCK
IL VOLTO DEL '500
Treviso
Casa dei Carraresi
dal 26 settembre 2018
al 3 febbraio 2019


 

Prospettiva aerea

"D'un medesimo colore posto in varie distanze ed eguali altezze, tale sarà la proprorzione del suo rischiaramento quale sarà quella delle distanze che ciascuno di essi colori ha dall'occhio che li vede." Leonardo da Vinci (1452 - 1519)
Questa è la prima regola della prospettiva aerea.

Joomla templates by Joomlashine