quadriitaliani.it

Rassegna di pittori italiani

Solo quadri di artisti che utilizzano un linguaggio pittorico chiaro e aderente alla realtà.  Immagini, ma anche conversazioni e saggi su tecnica e interpretazione della pittura e della storia dell'arte.

Telefono (+39) 3358040811

L'Accademia Ducale Atestina è una scuola d'arte voluta dagli estensi per incentivare lo studio delle arti figurative nella città di Modena. 

Nel 1785 venne creata la Scuola d'Arte che in forza di un atto del Duca Ercole III° venne trasformata nel 1790 in Ducale Accademia Atestina di Belle Arti. La direzione venne affidata al pittore e architetto Giuseppe Maria Soli. Gli insegnamenti iniziali furono disegno, pittura e architettura; successivamente si aggiunsero disegno di figura e ornato, prospettiva e scultura. 
E' interessante come ci fosse una volontà di dare un impronta comune a tutti coloro che esercitavano professioni artistiche anche minori. Fu così che nell'Accademia Atesina si iscrissero anche orafi, argentieri, ebanisti e anche artigiani, muratori e carpentieri.

L'Accademia subì un rallentamento nel periodo napoleonico ma con la restaurazione (1821) ritornarono gli Estensi e l'Accademia ebbe nuovi impulsi sotto la guida del nuovo direttore: lo scultore Giovanni Pisani. Venne costituita una gipsoteca con calchi delle statue classiche. Alcuni anni dopo la direzione passò al pittore Adeodato Malatesta.

Nel 1860 quando a Modena vi fu il Governo Provvisorio di Carlo Farini l'Accademia Atestina si fuse con quella di Bologna e di Parma e Adeodato Malatesta mantenne la direzione. Con la costituzione del Regno d'Italia (1861) il Malatesta ottenne l'incarico di Presidente della Commissione per la tutela dei beni pubblici dell'Emilia-Romagna. Nel 1877 anche a causa di un calo nelle iscrizioni l'Accademia venne declassata a Regio Istituto di Belle Arti. Tra gli allievi più interessanti uno, Adolfo Venturi, rggiunse un'ampia notorietà a livello nazionale come storico dell'arte e in occasione di una trasformazione del 1932 la scuola prese la denominazione di Istituto per le Arti Applicate Adolfo Venturi. Lo storico Adolfo Venturi è noto per le sue analisi particolarmente raffinate dei quadri che vennero sottoposti alla sua attenzione per poter identificarne l'autore. Nell'ricordare la metodologia applicata dal Venturi si parla di "scienza del conoscitore."  Purtroppo oggi c'è una forte tendenza alla mistificazione: il concetto di scienza non si deve mai applicare a conoscenze che nulla hanno a che fare con la Scienza. L'arte non è un concetto scientifico. Adolfo Venturi è stato un importante storico dell'arte, ha avuto importanti allievi come Pietro Toesca, ha scritto importanti libri, ma non è stato uno scienziato.

 

 



Ti potrebbe interessare anche:

Arte & Salute - rubrica a cura di Carlo Govoni

Antonio Fontanesi

La scuola di Barbizon è tra i movimenti artistici più importanti del XIX° secolo

Esposizioni d'Arte consigliate da quadriitaliani.it


Fontanesi Antonio La solitudine 1875 ReggioEmilia Musei Civici 

 

 

 

 

 

ANTONIO FONTANESI
RezArte Contemporanea
Reggio Emilia

via Emilia

 

Hayez Francesco Ruth 1853 quadriitaiani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

OTTOCENTO

Musei San Domenico - Forlì
20 opere in esposizione
aperta fino al 16 giugno 2019 

Prospettiva aerea

"D'un medesimo colore posto in varie distanze ed eguali altezze, tale sarà la proprorzione del suo rischiaramento quale sarà quella delle distanze che ciascuno di essi colori ha dall'occhio che li vede." Leonardo da Vinci (1452 - 1519)
Questa è la prima regola della prospettiva aerea.

Joomla templates by Joomlashine