quadriitaliani.it

Rassegna di pittori italiani

Solo quadri di artisti che utilizzano un linguaggio pittorico chiaro e aderente alla realtà.  Immagini, ma anche conversazioni e saggi su tecnica e interpretazione della pittura e della storia dell'arte.

Telefono (+39) 3358040811

Ho scelto questo quadro di Giovanni Antonio Canal detto il Canaletto (1697-1768) per parlare della basilica di Santa Maria della Salute. Perché venne eretta in laguna una così monumentale basilica?

Per capire occorre ritornare indietro nel tempo, quando nel 1630, Venezia fu colpita da una grave epidemia di peste. Il patriarca di allora, Giovanni Tiepolo, pensò di far erigere una chiesa dedicandola a Santa Maria della Salute.  L’incarico venne affidato nel 1631 al giovane architetto Baldassarre Longhena (1596-1682).

L’opera è una delle più importanti costruzioni del barocco italiano ed è espressione del ringraziamento dei veneziani scampati alla terribile epidemia. La costruzione è imponente e furono necessari più di cinquant’anni per portarla a termine. La basilica venne inaugurata nel 1687, cinque anni dopo la morte del suo progettista.

 

 Canaletto Santa Maria della Salute

Giovanni Antonio Canal detto il Canaletto, Santa Maria della Salute.
Olio su tela, cm 153x119.

La salute e la guarigione dopo una malattia sono il motivo delle riflessioni di oggi. “La salute non è tutto, ma senza la salute tutto è niente.” Con questa frase Arthur Schopenhauer ha sancito che questo è il bene più prezioso che ogni essere umano possiede. Cercare di conservare la propria salute è un imperativo al quale tutti dobbiamo sottostare. Se la salute manca, anche per poco tempo, perdiamo di entusiasmo e non siamo più propositivi.

Gli uomini inseguono la felicità, ma la felicità è un attimo. La vera felicità risiede nella salute. “La salute sta tanto al di sopra di tutti i beni esteriori che in verità un mendico sano è più felice di re malato”. Anche questa è una frase senza se e senza ma che è uscita dalla fantastica penna di Schopenhauer.

Il quadro di Canaletto venne dipinto circa quarant’anni dopo la costruzione della basilica. L’autore ha scelto una splendida giornata di sole per raffigurare uno spettacolare ingresso nel Canal Grande. Il quadro è una istantanea di un giorno qualsiasi del 1725. La veduta nell’interpretazione di Canaletto è sempre un momento di vita: numerose persone, gondolieri e gondole animano la scena. L’imponenza della basilica è esaltata dal fatto di averla collocata in primo piano, ma contemporaneamente ne ha ridotto l’importanza per aver dipinto meno della metà della costruzione. Ritengo questa una scelta di Antonio Canal molto equilibrata. Proprio in forza di questa decisione compositiva il quadro risulta estremamente piacevole a vedersi.

La salute di un essere umano dipende da numerose variabili: dalla genetica, dalla fortuna, dall’ambiente, dall’alimentazione, dalle abitudini, ma come nel quadro qui riprodotto, anche da una vita molto equilibrata.

 8 canaletto santa maria salute venezia

Questo articolo è stato pubblicato sul n.8 - ottobre 2018 - della rivista mensile Diagnosi & Terapia. Su ogni numero di questa rivista c'è un articolo scritto da Carlo Govoni nella rubrica ARTE & SALUTE, in queste pagine vengono affrontati temi relativi alla vita sociale di carattere sanitario facendo sempre riferimento ad un'opera d'arte.

 

 Ti potrebbe anche interessare:

- La resurrezione di un bambino di Antonio Balestra

- Non più ignavi?

- Leonardo da Vinci e il processo d'invecchiamento

- La giareda: una selezione di quadri di pittori reggiani

 

 

 

 

PER ESPORRE ALL'ARCOIRIS GALLERY

Se sei un pittore
e sei interessato
ad esporre a Reggio Emilia
leggi l'articolo e contattaci.
3474454362
3358040811 

Carlo Govoni pittore è su Facebook

facebook-govoni-quadriitaliani

Carlo Govoni pittore
lo trovi anche su
Facebook

https://www.facebook.com/Carlo-Govoni-pittore-273732089434160/

 danzatrice-ventre-govoni

La VOCE di REGGIO EMILIA

 Settimanale in vendita nelle edicole (€ 1,10)

Sul numero del 29 novembre articolo di Carlo Govoni

Luci, colori e trasparenze negli oggetti di Vilder Rosi

la voce di reggio emilia govoni carlo

VILDER ROSI PITTORE

Altre esposizioni d'Arte consigliate da quadriitaliani.it

 

 DIVISIONISMO
La rivoluzione della luce
Dal 23 novembre 2019

al 5 aprile 2020

CASTELLO DI NOVARA

 

rosi vilder vetro murano
Personale di Vilder Rosi
Arcoiris Gallery
Corso Garibaldi, 23
Reggio Emilia
aperta tutti i giorni
(escluso i festivi)

INCONTRO CON L'ARTISTA
Il 14 dicembre a partire dalle ore 17
Vilder Rosi sarà presente in galleria
per incontrare amici e appassionati d'arte

 

 

MILANO - MUDEC
IMPRESSIONI D'ORIENTE
Dal 1° ottobre 2019
al 2 febbraio 2020

 

Prospettiva aerea

"D'un medesimo colore posto in varie distanze ed eguali altezze, tale sarà la proprorzione del suo rischiaramento quale sarà quella delle distanze che ciascuno di essi colori ha dall'occhio che li vede." Leonardo da Vinci (1452 - 1519)
Questa è la prima regola della prospettiva aerea.

Joomla templates by Joomlashine