quadriitaliani.it

Rassegna di pittori italiani

Solo quadri di artisti che utilizzano un linguaggio pittorico chiaro e aderente alla realtà.  Immagini, ma anche conversazioni e saggi su tecnica e interpretazione della pittura e della storia dell'arte.

Telefono (+39) 3358040811

Arte e Salute

Ho avuto l’occasione di entrare al Policlinico Umberto I° di Roma e sono rimasto colpito da una serie di interessanti dipinti eseguiti da Roberto Fantuzzi nel periodo tra le due guerre. Siamo in un momento storico dove erano molto diffusi i quadri astratti e altre tele prive di significato. Ma come in tutti i periodi storici ci sono sempre persone che non seguono le mode. Roberto Fantuzzi (1888 – 1976) ha studiato pittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze, poi ha vissuto per parecchi anni in Sud America. Si è dedicato alla pittura di figura cercando di proporre quadri particolarmente precisi nella ritrattistica e nell’ambientazione. Molto interessante è anche l’utilizzo della luce, spesso dipinge interni con luce proveniente da una finestra. Sicuramente è un artista che ha compreso le lezioni del rivoluzionario Caravaggio. Una sua opera del 1924: “Scociedad Uruguaya de Pediatria” ebbe molto successo; su un'unica tela ha ritratto con estrema precisione 33 pediatri. Fantuzzi tornò in Italia su invito dell’ortopedico prof. Vittorio Putti ed eseguì molti quadri figurativi. In particolare dipinse ritratti di grandi medici, di cattedratici, di pontefici ed altri personaggi della sua epoca. La caratteristica peculiare di Fantuzzi è stata quella di curare tutti i particolari dei personaggi; anche le figure di secondo piano sono dipinte con notevole accuratezza. Negli anni trenta ha lavorato al Policlinico romano ed ha dipinto più di dieci quadri che sono esposti in diversi padiglioni dell’Università. 

Il quadro che presento è quello del prof. Cesare Frugoni e dei suoi allievi. In questo dipinto vediamo una visita in corsia dove il letto della paziente è stato portato vicino alla finestra. In quegli anni non esistevano gli antibiotici e si usava approfittare delle belle giornate con la speranza che i raggi solari potessero essere d’aiuto per gli ammalati molto gravi.

fantuzzi roberto frugoni policlinico roma umberto primo

Roberto Fantuzzi: Ritratto del prof. Cesare Frugoni e dei suoi allievi.
Olio su tela. 
Da una fotografia del prof.Luca Borghi per Himetop- The History of Medicine Topographical Database (
himetop.net)

 

Leggi tutto: Se non sempre guarire si può, sempre consolare si deve

Pensieri tristi possono attraversare la nostra mente e questo è naturale quando perdiamo una persona che amiamo, oppure quando la vediamo soffrire per una malattia. Anche la mancanza del lavoro o perdite di beni materiali sono spesso motivo di sconforto. C’è però una malattia che spinge le persone ad essere tristi senza un valido motivo: è la depressione. La depressione ingigantisce i problemi, amplifica le incomprensioni e porta tristezza nel nostro animo. La persona depressa perde la capacità di reagire ai momenti difficili e cade in uno stato di torpore dal quale non riesce ad uscire. Siamo di fronte ad una malattia molto frequente, colpisce più le femmine che i maschi. Ci sono poi forme di depressione tipiche delle donne e gli uomini fanno fatica a comprendere: mi riferisco alla depressione dopo un parto o dopo un aborto, specie se spontaneo. E’ difficile entrare nei complessi meccanismi che spingono l’attività cerebrale a ripercorrere costantemente pensieri tristi. In queste persone, a volte, c’è un attimo di felicità, ma è come un lampo durante un temporale.

Nei depressi la malinconia turba i loro pensieri, questo è un evento che non sappiamo spiegare e forse non lo comprenderemo mai. La tendenza alla depressione la vedo come una delle differenze non sessuali tra uomo e donna. L’uomo, di solito, supera meglio i suoi momenti tristi. La donna tende ad interiorizzare il suo dolore, e questo si accresce sempre di più. Nel rapporto uomo/donna sono soprattutto gli uomini che devono per primi sospettare questa malattia nel partner. Come sempre un problema emerge e lo si può affrontare solo se lo si conosce e lo si sospetta al momento opportuno.

hayez francesco pensiero malinconico malinconia tristezza risorgimento

Francesco Hayez: Malinconia. Olio su tela, cm 138x101,
Pinacoteca di Brera, Milano.

 

Leggi tutto: Pensiero malinconico di Francesco Hayez

Il quadro che prendo in esame è l’Adorazione dei Magi eseguita da Leonardo da Vinci; si tratta di un'opera dove viene esaltata la regalità del Bambino. Sappiamo tutti che questi Re orientali portarono in dono al figlio di Dio oro, incenso e mirra. E’ noto che l’oro è simbolo di ricchezza e di regalità, mentre l’incenso simboleggia la natura divina del Salvatore. Ma che cos’è la mirra?

Cosa sia questa sostanza non è chiaro, si dice che è una gommaresina aromatica estratta da arbusti che si trovano in Somalia, in Etiopia e nella penisola arabica. Questa sostanza ha diverse funzioni. Viene usata in farmacia ed in profumeria per la sua attività antiinfiammatoria e per il suo profumo intenso. Nell’antichità venne anche utilizzata per imbalsamare i corpi.

Quindi non sappiamo con esattezza che cosa simboleggi la mirra; è comunque una sostanza dotata di attività terapeutiche, che riduce l’infiammazione e anche il dolore e penso simboleggi il superamento della morte.

I Re Magi portando in dono mirra hanno offerto un rimedio per ottenere più salute e per vivere lungamente. La salute è un bene estremamente prezioso che non si può regalare.

Leonardo da Vinci adorazione magi particolareAdorazione dei Magi (particolare). Olio su tavola cm 246x243.
Leonardo da Vinci. Galleria degli Uffizi, Firenze

Leggi tutto: Una adorazione che ha sconvolto il mondo

Questo articolo è stato scritto nel ricordo del 500° anniversario della morte di Leonardo da Vinci ed è stato pubblicato sulla rivista Diagnosi & Terapia nella rubrica "Arte & Salute" a cura di Carlo Govoni . Vedi w w w. det. it   n. 4 anno 2019.

 

leonardo da vinci autoritratto torino libreria reale 1510 1515

Leonardo da Vinci: autoritratto. Sanguigna su carta. 
Biblioteca Reale, Torino

 

Il 2 maggio 1519 moriva a soli 67 anni ad Ambois in Francia l’uomo più eclettico e geniale di tutti i tempi: Leonardo da Vinci. Ho voluto ricordare questo grande artista perché è doveroso, in una rubrica che parla di due argomenti come l’arte e la salute, non ricordare un artista che ha impresso una svolta epocale nella pittura ed è stato anche un grande fisico, anatomico e scienziato. La grandezza di Leonardo la vedo soprattutto negli studi fatti sulle caratteristiche del volo umano. Egli ha compreso perfettamente che sull’aria ci si poteva appoggiare. Questa scoperta non è riuscito a concretizzarla col volo a motore, ma l’ha tradotta in pittura realizzando per primo quadri in prospettiva aerea. In più di una occasione ho espresso la mia profonda ammirazione per il genio toscano, capace di esprimere la profondità di campo dei suoi paesaggi utilizzando solo il colore.

Oggi non voglio scrivere su ciò che ha fatto, ma vorrei soffermarmi sulla persona di Leonardo. Presento il suo autoritratto, un disegno a sanguigna conservato a Torino e molto conosciuto. Quello che colpisce è l’aspetto fisico, chiunque vede quest’opera la definisce come il ritratto di un vecchio. Leonardo ha fatto il disegno quando aveva tra 60 e 63 anni e la persona che vediamo ci sembra un ottantenne. Non credo che il grande genio si sia ritratto con sembianze fisiche invecchiate. Lui era così. In questi cinquecento anni si è modificata la vita umana, è cambiato l’uomo ed è anche cambiato il modo di invecchiare. Nell’autoritratto vediamo rughe frontali, palpebre inferiori molto lasse, solchi naso genieni scavati che in un sessantenne di oggi non vediamo mai.

Leggi tutto: Leonardo da Vinci e l'invecchiamento fisico

Nelle religioni cristiane si parla sempre della resurrezione di Cristo, ma la Bibbia parla anche della resurrezione del figlio della vedova di Sarepta. E' questo un argomento poco trattato dai pittori. E' interessante questo articolo pubblicato sul n. 3  del 2019 della rivista Diagnosi & Terapia che commenta questo quadro di Antonio Balestra.

 Balestra antonio elia vedova sarepta quadriitaliani

Per capire questo quadro occorre fare riferimento alla Bibbia. L’anziano signore ritratto nell’atto di benedire è il profeta Elia, una delle figure più note del Vecchio Testamento. Egli visse nel IX° sec. a.C.  Nel primo libro dei Re è stata descritta una importante carestia e il profeta, su consiglio del Signore, si stabilì sulle rive del torrente Cherit, ma anche questo si prosciugò e, sempre per ordine del Signore, andò a Sarepta, una città della Fenicia. Lì incontrò una vedova che gli avrebbe dato da mangiare (1Re 17:9-10). La vedova era poverissima, possedeva solo un pugno di farina e pochissimo olio nell’orcio. Elia ordinò alla vedova di preparagli una focaccia e le promise che avrebbe avuto sempre farina ed olio per lei e per suo figlio. La vedova era incredula, ma fece quello che Elia le aveva ordinato.

Leggi tutto: La resurrezione di un bambino

PER ESPORRE ALL'ARCOIRIS GALLERY

Se sei un pittore
e sei interessato
ad esporre a Reggio Emilia
leggi l'articolo e contattaci.
3474454362
3358040811 

Carlo Govoni pittore è su Facebook

facebook-govoni-quadriitaliani

Carlo Govoni pittore
lo trovi anche su
Facebook

https://www.facebook.com/Carlo-Govoni-pittore-273732089434160/

 danzatrice-ventre-govoni

Altre esposizioni d'Arte consigliate da quadriitaliani.it

Leonardo da Vinci
ROMA
Scuderie del Quirinale
Aperta fino al 30 giugno 2019

 

 

 LEONARDO DA VINCI
MUSEUM
Campo San Rocco 3052
VENEZIA

 

 


 

Prospettiva aerea

"D'un medesimo colore posto in varie distanze ed eguali altezze, tale sarà la proprorzione del suo rischiaramento quale sarà quella delle distanze che ciascuno di essi colori ha dall'occhio che li vede." Leonardo da Vinci (1452 - 1519)
Questa è la prima regola della prospettiva aerea.

Joomla templates by Joomlashine