quadriitaliani.it

Rassegna di pittori italiani

Solo quadri di artisti che utilizzano un linguaggio pittorico chiaro e aderente alla realtà.  Immagini, ma anche conversazioni e saggi su tecnica e interpretazione della pittura e della storia dell'arte.

Telefono (+39) 3358040811

Nelle religioni cristiane si parla sempre della resurrezione di Cristo, ma la Bibbia parla anche della resurrezione del figlio della vedova di Sarepta. E' questo un argomento poco trattato dai pittori. E' interessante questo articolo pubblicato sul n. 3  del 2019 della rivista Diagnosi & Terapia che commenta questo quadro di Antonio Balestra.

 Balestra antonio elia vedova sarepta quadriitaliani

Per capire questo quadro occorre fare riferimento alla Bibbia. L’anziano signore ritratto nell’atto di benedire è il profeta Elia, una delle figure più note del Vecchio Testamento. Egli visse nel IX° sec. a.C.  Nel primo libro dei Re è stata descritta una importante carestia e il profeta, su consiglio del Signore, si stabilì sulle rive del torrente Cherit, ma anche questo si prosciugò e, sempre per ordine del Signore, andò a Sarepta, una città della Fenicia. Lì incontrò una vedova che gli avrebbe dato da mangiare (1Re 17:9-10). La vedova era poverissima, possedeva solo un pugno di farina e pochissimo olio nell’orcio. Elia ordinò alla vedova di preparagli una focaccia e le promise che avrebbe avuto sempre farina ed olio per lei e per suo figlio. La vedova era incredula, ma fece quello che Elia le aveva ordinato.

Nei giorni successivi avvenne proprio ciò che Elia aveva predetto: dall’orcio vuoto continuò ad uscire olio e nella giara, anch’essa vuota, c’era sempre farina. Erano giorni di estrema carestia, mai una pioggia e non si trovava cibo, ma la vedova, il suo bambino ed Elia riuscirono a sopravvivere. Una tragica fatalità colpì quella famiglia, il bimbo si ammalò gravemente e dopo pochi giorni morì. La vedova era disperata: aveva perso il suo unico figlio. Il profeta era sconcertato per questo destino così crudele nei confronti di una donna che lo aveva aiutato e continuava a farlo.

Elia disse alla donna: «dammi tuo figlio.»

Il quadro raffigura proprio questo momento: il profeta, ispirato dal Signore, promette alla vedova di aiutarla. La donna è incredula e sta per consegnargli il corpo esangue del fanciullo.

Nella Bibbia si legge che Elia prese tra le braccia il piccolo, lo portò al piano superiore dell’abitazione, pregò ardentemente il Signore e poco dopo discese le scale tenendo in braccio il bambino vivo (1Re 17:19-24).

Elia ha vissuto circa 2900 anni fa. Non conosciamo nulla di più rispetto a quanto è scritto sulla Bibbia. Sappiamo che la morte e la resurrezione di Cristo è stata descritta e rappresentata in numerosi quadri ed è il fondamento delle religioni cristiane. Il tema della resurrezione di Cristo è stato oggetto di numerose opere d’arte; non è così per la resurrezione del figlio della vedova di Sarepta. L’iconografia di questo evento è rarissima. Per l’interpretazione del quadro, sia dal punto di vista descrittivo che artistico, ringrazio il prof. Giancarlo Sestieri di Roma per le sue preziose e precise indicazioni. 
Il dipinto che qui possiamo ammirare è stato realizzato agli inizi del 700 da Antonio Balestra (1666 – 1740). E’ il più autorevole pittore veronese attivo tra seicento e settecento. Molti quadri di pittura veneta colgono momenti delicatissimi e l’opera qui raffigurata si inserisce in questo ambito. Vediamo un meraviglioso intreccio di sguardi e di gesti che esprimono contemporaneamente speranza, fede e sgomento. Occorre porre l’attenzione sul volto della vedova, raffigurato di scorcio. E’ questa una posizione molto difficile e lo è ancor di più per rappresentare l’incredulità. Il Balestra in questo e in altri suoi quadri si è cimentato spesso a dipingere personaggi col viso visto dal basso verso l’alto e lo ha sempre fatto con rara maestria.

Per tutti la resurrezione è un evento irrealizzabile, anche io nutro molti dubbi. In questo caso non si possono fare considerazioni di carattere medico-sanitario. Bisogna accogliere la descrizione dell’evento così come è stata riportata nella Bibbia. La perdita dell’unico figlio è il dramma umano più grande, in particolare lo è per una donna rimasta vedova. Questa è una circostanza che non trova spiegazioni logiche, come non ha una logica spiegazione la resurrezione di un bambino … è solo un atto di fede.

 

 3 balestra govoni quadriitaliani

 

Ti potrebbe anche interessare:

- Un momento di felicità di Antonio Vallone

- Leonardo da Vinci e l'invecchiamento fisico 

- Non più ignavi? - Reggio Emilia 1999-2000

- Pensiero malinconico di Francesco Hayez

 

 

 

 

PER ESPORRE ALL'ARCOIRIS GALLERY

Se sei un pittore
e sei interessato
ad esporre a Reggio Emilia
leggi l'articolo e contattaci.
3474454362
3358040811 

Carlo Govoni pittore è su Facebook

facebook-govoni-quadriitaliani

Carlo Govoni pittore
lo trovi anche su
Facebook

https://www.facebook.com/Carlo-Govoni-pittore-273732089434160/

 danzatrice-ventre-govoni

Altre esposizioni d'Arte consigliate da quadriitaliani.it

 

 LEONARDO DA VINCI
E I SUOI LIBRI
dal 6 giugno 2019
al 22 settembre 2019
Museo Galileo
FIRENZE

 

Tedesco Michele Lettura in terrazza 1875

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 L'eterna musa

Viareggio
dal 2 giugno 2019
al 3 novembre 2019

 

rosi vilder corso garibaldi reggio emilia 2019

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Giareda

Esposizione collettiva di

Rossana Bonavita
Nunzia Di Filippo
Barbara Ghisi
Carlo Govoni
Vilder Rosi

 

Prospettiva aerea

"D'un medesimo colore posto in varie distanze ed eguali altezze, tale sarà la proprorzione del suo rischiaramento quale sarà quella delle distanze che ciascuno di essi colori ha dall'occhio che li vede." Leonardo da Vinci (1452 - 1519)
Questa è la prima regola della prospettiva aerea.

Joomla templates by Joomlashine