quadriitaliani.it

Rassegna di pittori italiani

Solo quadri di artisti che utilizzano un linguaggio pittorico chiaro e aderente alla realtà.  Immagini, ma anche conversazioni e saggi su tecnica e interpretazione della pittura e della storia dell'arte.

Telefono (+39) 3358040811

L'Accademia di Belle Arti di Brera è il più antico e il più conosciuto ateneo artistico italiano; ha sede a Milano in via Brera 28.

L'Accademia sorge nel 1776 per volontà dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria. In quegli anni Milano era territorio austriaco e con questa istituzione si voleva offrire un punto di riferimento ai giovani che volessero intraprendere una carriera artistica. Come è noto nel settecento e nei secoli precedenti la formazione avveniva sempre attraverso la frequentazione di una bottega di un pittore o di uno scultore. L'allievo conosceva quindi un solo modo di dipingere e pertanto doveva necessariamente adeguarsi al maestro. L'unica cosa che poteva fare era cambiare maestro. 

Con l'istituzione dell'Accademia si sono riuniti in un unico luogo artisti molto capaci, con tendenze e sensibilità diverse.

Nel 1773 il seicentesco palazzo sede dell'Accademia, palazzo Brera, divenne proprietà del comune assieme all'Osservatorio Astronomico, l'Istituto Lombardo di Scienze e Lettere, la Biblioteca Braidense e l'Orto Botanico. L'incarico di collegare e trasformare il palazzo in un edificio idoneo ad ospitare una Accademia di Belle Arti venne dato all'architetto Giuseppe Piermarini, al quale venne anche affidata la prima cattedra di Architettura dell'Accademia.

L'Accademia divenne presto un importante centro culturale neoclassico, molti iportanti pittori vennero chiamati per insegnare nelle diverse cattedre e parecchi giovani iniziarono a sviluppare le loro potenzialità artistiche.

Molti artisti, dopo essere stati titolari di cattedra, lasciarono importanti lasciti all'Accademia e sono tutt'ora conservati.

Lascito di Francesco Hayez. Ha lasciato all'Accademia la sua biblioteca 424 volumi. In anni successivi la figlia del pittore donò alla biblioteca tre tacquini e fogli per complessivi 822 disegni.

Lascito di Giovanni Morelli: una importante biblioteca di cultura storico-artistica di 546 volumi.

Fondo di Camillo Boito: circa 1330 volumi dedicati all'architettura medievale lombarda.

 

Ti potrebbe anche interessare:

Omar Galliani, insegnante all'Accademia di Brera.

Accademia di San Luca di Roma

Vespasiano Bignami, pittore scapigliato e insegnante all'Accademia di Brera.

Alcuni pittori che hanno studiato all'Addemia di Belle Arti di Brera: Cesara Mottironi e Umberto Tibaldi.

Alcuni pittori che hanno esposto al Palazzo Ducale di Revere: Mario Bonalberti, Fabio Frabetti, Roberto Ghisi, Carlo Govoni, Patrizio Oca, Gilberto Piccinini, Ernesto Angelo Ubertiello

 

Esposizioni d'Arte consigliate da quadriitaliani.it


GUIDO RENI
dal 30 maggio 2017

al 5 novembre 2017
NICOSIA (ENNA)
Chiesa di San Calogero

info  3202727339 

 

 

Labirinti del cuore.
Giorgione e le stagioni
del sentimento
tra Venezia e Roma.
ROMA

Palazzo Venezia e
Castel Sant'Angelo
Dal 23 giugno 2017
al 17 settembre 2017

 

 I TESORI NASCOSTI
Basilica di Santa Maria Maggiore
alla Pietrasanta
via dei Tribunali 17/18

 NAPOLI

aperta fino al 20 luglio 2017 
info  08119230565
www.itesorinascosti.it

Profeti in patria
c
ammini d'artist
a
a  Montecchio Emilia

OMAR  GALLIANI
Dal 28 ottobre 2016
a maggio 2017

galliani montecchio manifesto

Arte e Salute

Arte e Salute è una rubrica a cura di Carlo Govoni sulla rivista DIAGNOSI E TERAPIA. La rivista è in distribuzione gratuita nelle farmacie. Potrete anche trovarla al sito http://www.det.it/

logoDiagnosiTerapiaP2

Un articolo sulla "fruttiera di persici" di Ambrogio Figino, è presente sul numero 9 del 20 novembre 2016 a pagina 11

Figino Ambrogio fruttiera persici

Sul numero 10 del 20 dicembre è presente un articolo sul quadro "la notte" del Correggio.

Prospettiva aerea

"D'un medesimo colore posto in varie distanze ed eguali altezze, tale sarà la proprorzione del suo rischiaramento quale sarà quella delle distanze che ciascuno di essi colori ha dall'occhio che li vede." Leonardo da Vinci (1452 - 1519)
Questa è la prima regola della prospettiva aerea.

Joomla templates by Joomlashine