quadriitaliani.it

Rassegna di pittori italiani

Solo quadri di artisti che utilizzano un linguaggio pittorico chiaro e aderente alla realtà.  Immagini, ma anche conversazioni e saggi su tecnica e interpretazione della pittura e della storia dell'arte.

Telefono (+39) 3358040811

Con questo articolo si vuole sottolineare quanto sia difficile l'interpretazione di un'opera d'arte e, nello specifico, il quadro di un grande maestro del seicento italiano. L'opera che presento è "Il Paradiso" di Marcantonio Bassetti. Si tratta di un olio su tela delle dimensioni di cm 41 x 62; conservato in una collezione privata.

Bassetti-marcantonio-paradiso-numeri

 I personaggi di questo quadro sono stati numerati e, per molti, ho cercato di identificarli.

1 – Cristo
2 – Il Padre
3 – Arcangelo Gabriele

Bassetti marcantonio paradiso alto
Da 4 a 12 – Nove santi non identificati. Quelli contrassegnati con 8 e 9 agitano un ramo di palma, verosimilmente sono dei martiri.

Bassetti marcantonio paradiso sinistra centro

 

13 – Maria Vergine
14 – San Giovanni Battista
15 – forse è Santa Elisabetta , madre di Giovanni Battista. La identifico solo per tradizione, spesso Maria veniva rappresentata accanto ad Elisabetta (vedi per esempio alcuni quadri di Leonardo da Vinci). Non credo che sia la mamma di Maria (Sant'Anna) che identifico con la Santa n.76 accanto a suo marito e padre di Maria: San Gioacchino.
16 – Santa Veronica
17 – San Giuseppe, si caratterizza oltre che per l’aspetto fisico anche perché tiene in mano un giglio.

 

Bassetti marcantonio paradiso sinistra

18 – San Giorgio – non si capisce bene se ai suoi piedi c'è il drago. Potrebbe avere questa posizione "alta", quindi privilegiata perché viene anche definito "megalomartire", termine non ben chiaro nel suo significato, ma penso per indicare un martirio con atroci sofferenze.
19 – 20 – 21 – Santi non identificati
22 – San Giacomo il maggiore, sembra avere in mano un bastone.
23 – Sant'Andrea, ha la croce decussata.
24 – San Luca, ha in mano un libro, è un evangelista. Sembra che sotto al libro ci sia la figura del toro. Il toro è appunto il simbolo di San Luca.
25 – Santo non identificato
26 – San Matteo, evangelista, vicino a Lui c’è l’angelo.
27 – ha in mano un libro, potrebbe essere Tommaso, era un apostolo molto colto.
28 – San Simone – sembra avere in mano una sega, simbolo del suo martirio.
29 – San Marco, ai suoi piedi c’è il leone. Tiene in mano un libro, è un evangelista.
30 – San Giovanni – Ha davanti a sé l’aquila – Tiene fra le mani un libro, è un evangelista.
31 – San Pietro,  ha come simbolo le chiavi
32 – San Paolo, ha in mano una spada  – anche perché è vicino a Pietro
33 – Sant'Elena – ha in mano un modellino di Chiesa – ha fondato la Chiesa della natività a Betlemme e la chiesa del Santo Sepolcro.
34 – 35 – Santi non identificati
36 – Santa Bibiana – ha la colonna
37 – Santa Giulia – ha la corona e una croce. E’ morta per crocifissione.
Da 38 a 43 - Sante non identificate.

Bassetti marcantonio paradiso sinistra 2
44 – Santa Giuliana Falconieri – (Firenze, 1270 – 1341)  monaca dell’Ordine dei Servi di Maria, il suo abito è tipico – ha come segno un’ostia consacrata che scintilla all’altezza del cuore.
45 – Santa non identificata.
46 – Sant'Orsola, sembra che abbia in mano delle frecce. Ha la corona in testa.
47 – 48 – due Sante in abito bianco non identificate.
49 – 50 – 51 – tre Santi Vescovi non identificati.
52 – 53 – Santi non identificati.
54 – San Calogero ? – Molti dubbi perché lo vedo giovane – ha la pelle nera, però San Calogero nell'iconografia cristiana è raffigurato come anziano. La raffigurazione tipica è accanto ad una cerva, che col suo latte lo nutrì fino alla fine dei suoi giorni.
55 - Santa non identificata
56 – Santa Chiara – Bastone pastorale e il giglio
57 -  Santa martire (ha la palma) non identificata
58 – Sant'Agnese
59 – Santa Elisabetta d’Ungheria – testa coronata e in grembo le rose.
60 – Santa Anatolia – abiti regali in quanto era di nobili origini. Nell'iconografia è sempre rappresentata con la spada, segno del suo martirio. Penso che sia questa Anatolia perché è sempre messa vicino a Vittoria.
61 – Santa Vittoria – La si riconosce per la spada (è morta decapitata) e per il drago ai suoi piedi. Nella sua storia c’è l’episodio di aver sconfitto un drago. Nell’iconografia Santa Vittorio viene sempre raffigurata vicino all'amica Anatolia. Una nota immagine di queste due sante è presente nel corteo delle Vergini del mosaico di Sant'Apolinnare Nuovo a Ravenna.
62 -  forse è Sant'Agata – ha in mano le pinze e la graticola. Non può essere San Lorenzo, perché da questo lato sono quasi tutte donne.
63 –  Santa non identificata

 Bassetti marcantonio paradiso destra


64 -  Re David che suona l’arpa
65 - Santo non identificato
66 - Melchisedec – tiene in mano una coppa e un piatto con dei pani.
67 – Santo non identificato
68 – Mosè – ha le tavole della legge – dalla sua testa partono due raggi di luce.
69 – Santo non identificato
70 – Aronne – il suo bastone diventa un bastone fiorito
71 – 72 – 73 – I tre Re magi – 71 Melchiorre arabo – 72 Gaspare bianco, barba bianca – 73 Baldassarre, è africano, ha la pelle nera. Sopra di loro c’è una stella che identifico con la stella cometa.
74 – Verosimilmente San Antonio Abate. Bastone a forma di tau.
75 – gruppo di santi caratterizzato da tre bandiere rosse. Il colore rosso viene usato nella liturgia per indicare “il sangue di Cristo”.
76 – Sant'Anna, moglie di Gioacchino e madre di Maria Vergine
77 – San Gioacchino, padre di Maria – tiene un cesto con due colombe
78 – Santo non identificato
79  San Benedetto da Norcia, caratteristico l’ abito nero da abate e barba bianca.
80 – 81 – 82 – Santi non identificati
83 – Ai suoi piedi c’è un piccolo leone. Potrebbe essere Elia che tiene in mano la profezia.
84 – 85 – Santi non identificati
86 – 87  Cinque protomartiri francescani  Berardo Ottone Pietro, Accursio e Adiuto. Dietro i due che ho numerato c’è ne sono altri tre.

88 - Santo non identificato. Tiene in mano un libro.

 

Bassetti marcantonio paradiso destra 2
89 – Sant'Antonio da Padova – Non si capisce se ha in mano la palma o il giglio.
90 – 91 – 92 – Santi non identificati
93 – San Costantino, imperatore.
94 – croce vista nel cielo da Costantino imperatore, è stata dipinta sulla linea mediana del quadro. Questa linea binca passa per lo Spirito Santo, costituisce anche l’asse di simmetria del quadro.
95  96  Santi non identificati
97 – Santo non identificato: Pontefice con tiara
98 – Santo non identificato
99 – San Domenico – ha il giglio – Nell'iconografia viene anche rappresentato con una stella in fronte (vedi quadro del Beato Angelico).
100 – E’ Girolamo Savonarola.
101  Forse è San Leonardo Abate, molto venerato nel medioevo, ha le catene in mano.
102  Santo con Croce papale – croce a tre traverse dove la più alta è la più corta. E’ noto un monumento a Mantova che rappresenta San Silvestro I con croce papale. Questo papa è spesso raffigurato con la tiara sul capo.
103 – Santo non identificato: Pontefice con tiara
104 – Santa Caterina da Siena. Ha il velo bianco. E’ annoverata tra i dottori della Chiesa.
105 – 106 – Santi non identificati
107 – Cardinale – Potrebbe essere San Carlo Borromeo. Normalmente non viene raffigurato con la barba. Canonizzato nel 1610.
108 – Sant'Ambrogio – dovrebbe avere ai piedi un alveare. In mano spesso tiene una staffile, segno di fustigatore della Chiesa – Il manto di colore verde indica vescovi e arcivescovi.  E’ anche un Dottore della Chiesa.
109 – San Filippo Neri - !! canonizzato nel 1622 !  abito di colore rosso di presbitero. Vedi quadro di Guido Reni. Ha accanto a sé dei bambini.
110 – San Mauro Abate – giovane , abito nero da abate e libro
111 – Santo vescovo non identificato
112 –  San Gregorio Magno  Papa e  autore della REGULA Pasturalis – E’ questo il libro che si trova ai suoi piedi
113 – 114 – Santi non identificati
115 – San Girolamo – Ha il capello da cardinale per terra, segno di rinuncia ai titoli ecclesiastici. Questa è una raffigurazione di San Girolamo nel deserto o nella grotta. Era uomo di cultura, ha tradotto la Bibbia in latino e il libro indica questo. Non riesco a comprendere cosa tiene nella mano destra.

Bassetti marcantonio paradiso centro
116   Santa Rita da Cascia
117 – Santa Cecilia
118 – Santa Caterina d’Alessandria.

 

Marcantonio Bassetti è stato un pittore che ha sempre dipinto opere ricche di figure, ma in questo quadro si può proprio ritenere che abbia superato se stesso. Con la pazienza di un miniaturista ha dipinto una tela con caratteristiche eccezionali. Il tema, per un pittore, è piuttosto inusuale: il Paradiso. 

 

 

Ti potrebbe interessare anche:

Caratteristiche iconografiche dei Papi Santi

Caratteristiche iconografiche degli Apostoli

Caratteristiche iconografiche delle più importanti Sante

Giovanni Quinsa

Gregorio De Ferrari 

Ambrogio Figino: il mangiar sano su un piatto d'argento

Marcantonio Bassetti

 

Esposizioni d'Arte consigliate da quadriitaliani.it

LA RACCOLTA INGEGNOLI
Boldini, D e G Induno,
Fattori e altri
MILANO
BOTTEGANTICA 

via Manzoni, 45
dal 13 ott. al 3 dicem. 2017
info +39 0262695489

 

GUIDO RENI
dal 30 maggio 2017

al 5 novembre 2017
NICOSIA (ENNA)
Chiesa di San Calogero

info  3202727339 

 

 

ANDREA PROCACCINI Argo e Mercurio
I Capolavori dell'Accademia
Nazionale di San Luca
Da Raffaello a G.Balla

Forte di Bard, AOSTA

Dal 1° luglio 2017
al 7 gennaio 2018

info: (+39) 0125833811

 

DENTRO CARAVAGGIO
Palazzo Reale - MILANO
dal 29 settembre 2017

al 28 gennaio 2018

 

Arte e Salute

Arte e Salute è una rubrica a cura di Carlo Govoni sulla rivista DIAGNOSI E TERAPIA. La rivista è in distribuzione gratuita nelle farmacie. Potrete anche trovarla al sito http://www.det.it/

logoDiagnosiTerapiaP2

Un articolo sulla "fruttiera di persici" di Ambrogio Figino, è presente sul numero 9 del 20 novembre 2016 a pagina 11

Figino Ambrogio fruttiera persici

Sul numero che uscirà a settembre ci sarà un articolo sul quadro "Santa Elisabetta cura i tignosi" di Esteban Murillo.

Prospettiva aerea

"D'un medesimo colore posto in varie distanze ed eguali altezze, tale sarà la proprorzione del suo rischiaramento quale sarà quella delle distanze che ciascuno di essi colori ha dall'occhio che li vede." Leonardo da Vinci (1452 - 1519)
Questa è la prima regola della prospettiva aerea.

Joomla templates by Joomlashine