quadriitaliani.it

Rassegna di pittori italiani

Solo quadri di artisti che utilizzano un linguaggio pittorico chiaro e aderente alla realtà.  Immagini, ma anche conversazioni e saggi su tecnica e interpretazione della pittura e della storia dell'arte.

Telefono (+39) 3358040811

Per capriccio architettonico si intende una pittura che rappresenta elementi di architettura reali o di fantasia, spesso animati da figure e ambientati in paesaggi naturali. Il risultato che si ottiene è un paesaggio inventato. E' una forma di pittura prevalentemente italiana e caratteristica del seicento e del settecento. I pittori più noti sono Gian Paolo Panini, Viviano Codazzi e Giovanni Ghisolfi. Tra gli autori di capricci architettonici ricordiamo anche i grandi vedutisti veneti come il Guardi e il Canaletto.

Su questo argomento è stata scritta un'importante opera in tre volumi del prof. Giancarlo Sestieri "Il capriccio architettonico in Italia nel XVII e XVIII secolo".  Il 12 maggio a Roma, nelle splendide sale di palazzo Corsini, alle ore 17,30 si è tenuta una importante conferenza su questo argomento alla quale hanno partecipato il prof. Vittorio Sgarbi e l'autore del libro prof. Giancarlo Sestieri. Era prevista anche la presenza del prof. Fabrizio Lemme, che per sopravvenuti impegni non ha potuto partecipare, ma la sua relazione è stata ugualmente letta ai presenti.

capriccio-architettonico-corsini-roma

 Ecco la sala della Galleria Corsini dove si è svolta la conferenza.

La presentazione dei volumi è stata svolta dal prof. Vittorio Sgarbi, il quale ha disegnato una rapida carellata della pittura partendo dai pittori cinquecenteschi. Ha ricordato che la pittura nasce soprattutto come pittura di figura. Ha fatto riferimento ai quadri presenti nella sala. I comittenti erano soprattutto ecclesiastici e richiedevano raffigurazioni di storie bibliche o imagini di Santi. Ha preso spunto dal quadro di Guido Reni che raffigura Sant'Andrea Corsini.

reni-guido-san-corsini

Guido Reni (1575 - 1642) - San Andrea Corsini

La pittura assume la sua importanza proprio come pittura figurativa. Nella sala si potevano ammirare quadri ecclesiastici e quadri per canonizzazioni, ma tutti figurativi. Tra cinquecento e seicento si diffondono anche altri soggetti come le nature morte. Il prof. Sgarbi ha ricordato il canestro di frutta dipinto da Michelangelo Merisi detto il Caravaggio. Sempre alla fine del cinquecento prende corpo anche la pittura di paesaggio.


capriccio-architettonico-sestieri-sgarbi
In un primo tempo il paesaggio o gli elementi architettonici sono lo sfondo della scena. Ma nel seicento alcuni pittori, e tra questi Viviano Codazzi, si cimentarono in una pittura nuova denominata "capriccio architettonico". Si è quindi affrontato nel vivo il tema trattato nei tre volumi scritti dal prof. Giancarlo Sestieri.

capriccio-architettonico-corsini-sgarbi-sestieri

Nella foto si vede il prof. Sgarbi mentre sfoglia davanti ai presenti uno dei tre pregevoli volumi su questa particolare pittura di paesaggio. 


Nella sua esposizione il prof. Vittorio Sgarbi ha definito il concetto di "capriccio architettonico", questo è un termine che venne già utilizzato dai critici d'arte del seicento e vuole indicare un insieme di elementi architettonici come palazzi, templi, rovine spesso antichi rispetto al periodo in cui vennero dipinti, quasi sempre animati da figure e spesso ambientati in un paesaggio naturale.

capriccio-architettonico-sestieri-corsini

 Il prof. Sgarbi è stato molto brillante nella sua esposizione, dimostrando una chiara conoscenza di questo particolare settore. Ha descritto quadri di Gian Paolo Panini e di Giovanni Ghisolfi. Ha ricordato anche i vedutisti veneti, in particolare il Canaletto e il Guardi che tra le loro opere annoverano anche qualche "capriccio". Sono stati citati anche il bolognese Vittorio Maria Bigari e i Galli da Bibbiena.

Il capriccio architettonico è stato visto come espressione di una raggiunta libertà pittorica da parti di molti autori che si sono dedicati a questo tema.

capriccio-architettonico-corsini-sgarbi

E' poi intervenuto il prof Giancarlo Sestieri che ha sottolineato come nei tre volumi che ha scritto abbia cercato di offrire un contributo organico ad un argomento spesso trascurato nei trattati di storia dell'arte. Egli ha condotto una analisi rigorosa di tutti gli artisti che nel seicento e nel settecento si sono cimentati in questo genere di pittura. Ha ricordato diversi pittori facendo particolari riferimenti a quelli attivi a Roma. Il prof. Sestieri è noto per il suo approccio quasi scientifico alla storia dell'arte. I commentatori hanno sottolineato le sue capacità analitiche. I tre volumi costituiscono un'opera di indubbia precisione storico-artistica. Sono anche tre volumi caratterizzati da una ricchissima iconografia e da una elevata qualità grafica.

capriccio-architettonico-sestieri-sgarbi-corsini

Ricordo il titolo del volume: "IL CAPRICCIO ARCHITETTONICO IN ITALIA NEL XVII E XVIII SECOLO"
Autore: Giancarlo Sestieri. Tre volumi cartonati in cofanetto rigido di 400 pag. ciascuno. Etgraphiae Editoriale 



Ti potrebbe interessare anche:

Piero della Francesca 

Marcantonio Bassetti


Home di www.quadriitaliani.it

Arte e Salute

Arte e Salute è una rubrica a cura di Carlo Govoni sulla rivista DIAGNOSI E TERAPIA. La rivista è in distribuzione gratuita nelle migliori farmacie. Potrete anche trovarla al sito http://www.det.it/

logoDiagnosiTerapiaP2

Un articolo sulla "fruttiera di persici" di Ambrogio Figino, è presente sul numero 9 del 20 novembre 2016 a pagina 11

Figino Ambrogio fruttiera persici

Sul numero di settembre 2017 è stato pubblicato un articolo sul quadro "Santa Elisabetta cura i tignosi" di Esteban Murillo.
Altri articoli sono sulla notte di Natale del Correggio, sul medico chirurgo Billrhot, sul medico Jgnàc Semmelweis, sul freddo e l'inverno, su "scienza e carità" di Pablo Picasso.

Altre esposizioni d'Arte consigliate da quadriitaliani.it

Carlo Bonone (o Bononi)
Museo Diocesano
via Vittorio Veneto - REGGIO EMILIA

Aperto dall'11 maggio 2017
Per informazioni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Carlo Bononi
L'ultimo sognatore 
dell'Officina ferrarese
Palazzo dei Diamanti
FERRARA
In programma 
dal 15 ottobre 2017
al 7 gennaio 2018 

 

Uno scrigno per l'arte.
Dipinti antichi e moderni
dalle raccolte BPER Banca
MODENA
via Scudari, 9

da sabato 2 dicembre 2017

 

Giambattista Tiepolo Trionfo di Anfitrite olio su tela Collezione privata

Seduzione e potere,
la donna nell'arte tra 
Guido Cagnacci e
Giovan Battista Tiepolo.
Chiesa di S. Francesco
GUALDO TADINO (PG)

aperta fino al 3 dicembre 2017

quadriitaliani.it SU FACEBOOK

Questo sito ha una pagina su facebook facebook-govoni-quadriitaliani . Ovviamente la pagina si chiama quadriitaliani.

La potete trovare a questo link https://www.facebook.com/Quadriitaliani-1513937212247233/

Per mantenere i contatti con coloro che scrivono su questo sito o per essere aggiornati basta fare un clik su MI PIACE

Bassetti marcantonio paradiso

Prospettiva aerea

"D'un medesimo colore posto in varie distanze ed eguali altezze, tale sarà la proprorzione del suo rischiaramento quale sarà quella delle distanze che ciascuno di essi colori ha dall'occhio che li vede." Leonardo da Vinci (1452 - 1519)
Questa è la prima regola della prospettiva aerea.

Meglio è la piccola certezza che la gran bugia.  Leonardo da Vinci (1452 - 1519)

L'essere umano ha poche certezze: questa è la vita. Tra coloro che si qualificano esperti d'arte ci sono grandi bugiardi che sostengono l'astrattismo, la street art e tutte le innumerevoli degenerazioni che da un centinaio d'anni si susseguono senza fine. In questo sito si vuole stare dalla parte delle piccole certezze.

Joomla templates by Joomlashine