quadriitaliani.it

Rassegna di pittori italiani

Solo quadri di artisti che utilizzano un linguaggio pittorico chiaro e aderente alla realtà.  Immagini, ma anche conversazioni e saggi su tecnica e interpretazione della pittura e della storia dell'arte.

Telefono (+39) 3358040811

Il ventesimo secolo si caratterizza per la nascita e la diffusione di molti movimenti artistici che riguardano la pittura e qui saranno indicati con le loro principali caratteristiche. Essendo questo un sito che tratta principalmente di pittura italiana faremo riferimento in modo particolare ai movimenti italiani e a quelli sorti fuori dai nostri confini che però hanno avuto influenze sulla pittura italiana.
Di tutti questi movimenti indichiamo solo la data d'inizio. E' impossibile stabilire una fine, perchè l'arte contemporanea è costellata di seguaci e imitatori di movimenti artistici del recente passato. C'è sempre qualcuno che vuole creare un qualcosa di diverso senza ovviamente aver nulla di nuovo da dire, ecco che il movimenti si prolungano nel tempo e alcune volte li troviamo descritti col prefisso neo-. Per esempio si parla di neoimpressionismo, neoastrattismo, neorealismo, neocostruttivismo, ecc.

ACTION PAINTING o INFORMALE GESTUALE - 1952 - Variante della pittura informale dove la pittura è totalmente istintiva. Si usano colori non solo ad olio ma anche vernici, si utilizzano pennelli di grandi dimensioni, spesso anche le tele sono di grandi dimensioni. Secondo alcuni queste opere rappresentano lo sfogo di chi le ha dipinte. Si inseriscono in questa corrente Jackson Pollock, Willem de Kooning, Franz Kline e Marc Rotcko. Carattersitica di questa tendenza pittorica è la gestualità.

ARTE CINETICA - 1920 - Forma espressiva che vuole ottenere un effetto di movimento nelle opere. Il movimento può essere fisico, oppure virtuale oppure vengono ricercate delle autentiche illusioni ottiche. Sorge nella terza decade del ventesimo secolo, dopo un periodo di scarso fermento queste ricerche riprenderanno negli anni 1950/1960.

ARTE POVERA - 1967 - Movimento artistico italiano che ha preso il nome da una esposizione omonima dei pittori Boetti, Fabro, Paolini, Kounellis, Prini e Pascali che si tenne a Genova nel settembre del 1967. Il curatore della mostra è stato il critico Germano Celant. Gli aderenti a questo movimento contestano l'arte tradizionale ed utilizzano solo materiali "poveri" come stracci, terra, segatura, legno, scarti industriali, ecc.  Con questo movimento si ricorre all'uso dell'installazione, cioè l'opera diventa una performance, visibile solo in quel contesto. Celant cerca di spiegare così le intenzioni di coloro che aderirono all'arte povera: "nel ridurre ai minimi termini, nell'impoverire i segni, per ridurli ai loro archetipi." 

ASTRATTISMO - 1910 - Movimento pittorico caratterizzato dalla negazione completa e totale delle "regole" della pittura e del disegno. I quadri astratti sono privi del carattere rappresentativo proprio della pittura. Non esprimono nulla e non rappresentano nulla. Nelle prime espressioni abbiamo macchie di colore, in certe forme di astrattismo non ci sono nemmeno quelle. Qualcuno vuole vedere nell'astrattismo una reazione ai movimenti pittorici precedenti. Il primo quadro astratto (o meglio un acquerello) è del 1910 ed è stato dipinto da Vasiliji Kandinskij (1866 - 1944). Si tratta esclusivamente di macchie di colore che riempiono una pagina. Il significato è inesistente.

ASTRATTISMO GEOMETRICO - 1917 - Movimento artistico sorto in Olanda col nome di Neoplasticismo che ha avuto in Piet Mondrian il suo massimo esponente. In Italia si diffonde col nome di Astrattismo Geometrico. Tra gli italiani ricordiamo Mario Radice, Anastasio Soldati, Manlio Rho. Questi pittori vedono nel rettangolo la forma ideale, utilizzano i colori primari in quanto tali, rivalutano la linea e il colore.

BLAUE REITER (Il cavaliere azzurro) - 1911 - Movimento derivato dall'espressionismo tedesco; sorse a Monaco di Baviera nel 1911.

CHIARISMO LOMBARDO - 1930 - Movimento pittorico sorto a Milano e poi anche a Mantova al quale aderirono diversi giovani che dipingevano utilizzando colori molto chiari. Spesso dipingevano su tele preparate con fondo bianco ancora fresco. I pittori più noti sono stati Umberto Lilloni, Angelo Del Bon, Cristoforo De Amicis, Renato Vernizzi e Renato Briolli. I critici che hanno sostenuto questo movimento sono stati Edoardo Persico e Leonardo Borghese. Il chiarismo lombardo è stato un movimento molto interessante perchè si può considerare il primo movimento antinovecentista italiano (vedi Novecento Italiano). I chiaristi si ispiravano ad Emilio Gola, agli scapigliati, a Tranquillo Cremona e a Daniele Ranzoni.

COSTRUTTIVISMO - 1913 - Movimento sorto in Russia che si prefiggeva di contrastare l'arte fine a se stessa e sostiuirla con un'arte che avesse una importanza sociale. Il costruttivismo si prefiggeva anche l'utilizzo dei nuovi materiali che le ricerche industriali proponevano. Esponenti importanti sono stati il pittore e scultore Vladimir Tatlin, Naum Gabo e Aleksandr Rodcenko 

CUBISMO - 1906/1907 - Movimento pittorico dove si nega la presenza dei classici uno o due punti di fuga che regolano la prospettiva. Questo viene sostituito da una molteplicità dei punti di fuga. Il primo quadro cubista viene indicato nell'opera Les demoiselles d'Avignon di Pablo Picasso (1881 - 1973). Il concetto di rappresentare gli oggetti e le figure come se venissero osservati da due o più punti di vista non è nuovo. E' presente in tutte le forme artistiche primitive ed è tipico delle pitture egizie (secondo e terzo millennio a.C.) 

DADAISMO o MOVIMENTO DADA - 1915/1918 - Movimento che sorge in Svizzera durante la prima guerra mondiale. La parola - dada - è un termine inventato. Il motivo dominante di questo movimento è stupire. Lo stupore fine a se stesso ha un certo interesse la prima volta che lo si realizza, dopo cade nel banale e sfuma via via nel nulla. Tra i presupposti di questo nuovo movimento c'è stato il rompere col passato, con tutto ciò che era la pittura accademica per dare inizio ad una nuova arte. Una nuova arte inesistente che mai si è realizzata. Chi scrive è perfettamente convinto che nessuno tra i promotori del movimento avesse una minima idea su dove avrebbe voluto arrivare.  I promotori del movimento dada sono Hans Arp, Tristan Tzara, Marcel Janco, Hans Richter, Max Ernst e Marcel Duchamp.

DER BLAUE REITER (Il cavaliere azzurro) - 1911 - vedi BLAUE REITER

ESPRESSIONISMO - 1905 - Movimento culturale europeo che si sviluppa soprattutto in Germania. Nel 1905 a Dresda i pittori Ernest Ludwig Kirchner ed Emil Nolde crearono un primo movimento denominato "Die Brucke", che significa "il ponte". Il movimento espressionista deve essere visto come un movimento esteso, è stato definito europeo, in quanto si avvicinano anche altri artisti. Si possono considerare movimenti derivati dall'espressionismo il "Der Blaue Reiter" (il cavaliere azzurro) sorto a Monaco di Baviera per volontà di Vassilij Kandunskij e Franz Marc e la "Neue Sachlichkeit" (Nuova oggettività) con l'intenzione di rappresentare la realtà senza trucchi.

FAUVISMO o MOVIMENTO FAUVES - 1910 - Movimento artistico sorto in Francia. La parola fauves significa belve, questo per indicare la violenza nel segno e nel colore presente nelle loro opere. E' noto che la realtà è costituita da sfumature e passaggi di tono graduali. Per esempio un corpo umano passa gradualmente dalla parte in luce alla parte in ombra. Sappiamo che non esistono linee di contorno. I fauves non ammettono alcuna graduazione, nei loro quadri inseriscono grossolani tratti scuri per deinire un'immagine. La figura più importante è stata Henri Matisse.

FORMA - 1947 - Acronimo delle parole "formalisti e marxisti". Si tratta di un movimento al quale aderirono alcuni pittori astrattisti. Il movimento ebbe vita molto breve e si sciolse nel 1950.

FUTURISMO - 1909 - Movimento artistico e letterario. A questo movimento aderirono non solo pittori, ma anche scultori, letterati e poeti. I personaggi di maggior spicco sono stati il poeta Filippo Tommaso Marinetti, lo scultore Umberto Boccioni e i pittori Carlo Carrà, Giacomo Balla, Luigi Russolo e Gino Severini. La caratteristica del futurismo sono il dinamismo e la velocità. Sappiamo che la pittura e la scultura sono fenomeni statici. Questi autori hanno negato la staticità ed hanno voluto esprimere il movimento raggiungendo forme espressive molto discutibili.

INFORMALE - 1950 - Tendenza pittorica derivata dall'astrattismo. Il termine "informale" è usato per le prime volte dal critico francese Tapié nel 1950. Il principio fondamentale del movimento è la negazione del disegno e della forma. In questi quadri esiste solo il colore.

INFORMALE GESTUALE o ACTION PAINTING - 1952 - Vedi Action Painting.

IPERREALISMO - 1970 - Movimento artistico sorto negli Stati Uniti che si prefigge di riprodurre fedelmente la realtà. Il modello è una fotografia. Occorre valutare bene ogni singolo quadro iperrealista perché alcuni sono solo apparentemente dipinti.

METAFISICA - 1917 - Movimento pittorico italiano promosso da Giorgio De Chirirco e Carlo Carrà. I promotori cercano di esprimere ciò che va oltre la percezione sensoriale. 

METROPOLISMO - 1987 - Corrente pittorica e culturale italiana che si creò attorno ad un manifesto scritto da Romano Petrucci. Il manifesto del metropolismo si ispira a scritti e discorsi del critico Achille Bonito Oliva che negli anni '70/'80 aveva stimolato l'uso delle tecniche pittoriche tradizionali e l'importanza del contenuto di un'opera d'arte figurativa. Nel 1987 aderiscono al movimento appena sorto il giovane pittore catanese Antonio Sciacca e il toscano Nico Paladini. Al movimento aderiranno anche l'uruguaiano Carlos Grippo e il disegnatore turco Timur Kerim Incedayi. Il "ritorno alla figuratività" venne considerato un requisito importante tra gli aderenti al gruppo. Altri argomenti di ricerca per questi pittori sono stati il consumismo e la vita sociale degli ultimi anni del XX° secolo.

MINIMALISMO  o  MINIMAL  ART  - 1965 - Espressioni artistiche che cercano di ridurre al minimo la realtà. Si deve eliminare tutto ciò che non è essenziale. Il termine è stato coniato dal filosofo inglese Richard Wollheim.

NAIF - Corrente caratterizzata da espressioni pittoriche infantili e/o primitive. I pittori naif non hanno frequentato scuole di pittura, sono pertanto degli autodidatti che dipingono. Non conosco le regole della pittura e agiscono con la semplicità propria dei bambini o degli uomini primitivi che eseguirono graffiti sulle rocce. Non ritengo giusto mettere una data di nascita di questa corrente perchè penso che persone che non sapendo disegnare e nemmeno dipingere hanno preso una scatola di colori e qualche tela e si sono messi a fare dei quadri sono sempre esistiti. L'autore più conosciuto di questa corrente è Antonio Ligabue (1899 - 1965).

NEOASTRATTISMO  o  NUOVO  ASTRATTISMO - 1946 - E' il ritorno all'astrattismo dopo la fine della seconda guerra mondiale.

NEO-IMPRESSIONISMO - 1886 - Il termine neo-impressionismo non ha una data di nascita certa, questa tendenza pittorica si identifica con il post-impressionismo (vedi).

NEOPLASTICISMO - 1917 - Corrente della pittura astratta sorta in Olanda che trova in Piet Mondrian (1872 - 1944) il suo massimo esponenti. Si caratterizza per il disegno di forme pure, geometriche, e l'utilizzo di tinte piatte e dei colori primari. Prende anche il nome di astrattismo geometrico (vedi).

NEOREALISMO  o  NUOVO REALISMO - 1945 - Movimento artistico e soprattutto cinematografico. Si sviluppa dopo la seconda guerra mondiale. E' da ritenersi un movimento italiano, tra i maggiori esponenti ricordiamo Renato Guttuso (1912-1987) e Armando Pizzinato. Si inseriscono in questa corrente anche pittori che considero astrattisti puri: Ennio Morlotti, Emilio Vedova e Renato Briolli.

NEUE SACHLICHKEIT (Nuova oggettività) - 1919/1920 - Movimento tedesco che deriva dall'espressionismo. Questo movimento sorge nel dopoguerra con l'intenzione di studiare la realtà, osservarla acutamente e trasmetterla in pittura.

NOVECENTO  ITALIANO - 1922 - Il critico d'arte Margherita Scarfatti e un commercante Lino Pesaro stimolano nel 1922 sette pittori lombardi ritenuti particolarmente capaci di contrapporsi al futurismo allora imperante. I pittori che aderirono sono Leonardo Dudreville, Achille Funi, Mario Sironi, Gian Emilio Malerba, Pietro Marussig, Ubaldo Oppi e Anselmo Bucci. Questo movimento doveva proseguire la tradizione lombarda del naturalismo. Tra i principi ispiratori c'era la volontà di un "ritorno all'ordine" in contrapposizione alle idee degli aderenti al futurismo.

OPTICAL ART  o  OP ART - 1950 circa - Espressione artistica che mira a sollecitare in modo quasi irritante la retina così da creare un'idea di movimento virtuale. La considero una variante dell'arte cinetica (vedi).

POP ART - 1958/1959 - Movimento che nasce in Inghilterra alla fine degli anni '50 e si sviluppa nel mondo anglosassone. Questi artisti vogliono evidenziare la vita del tempo, in particolare la civiltà consumistica che si stava sviluppando. I maggiori esponenti sono Andy Warhol e Roy Liechenstein. La Pop Art, come tutti i movimenti del XX secolo ha avuto momenti di enfatizzazione e momenti di decadenza. Nel passaggio di millennio si è definito un nuovo movimento "New Pop" (del tutto simile ai movimenti con prefisso neo- di cui ho parlato in premessa) dove si è cercato di riprendere le idee della Pop Art.

POST-IMPRESSIONISMO - 1886 /1910 - Non possiamo parlare di un vero movimento, ma si indicano le svariate tendenze pittoriche che si sono sviluppate dopo l'impressionismo. Si tratta di opere eseguite negli ultimi quindici anni del XIX° secolo e nei primi anni del secolo successivo. Il termine post-impressionismo venne utilizzato nel 1886 da Felix Fénéon [Art Moderne del 19 settembre 1886] e poi nel 1910 dal critico Roger Fry per presentare una mostra con opere di Gauguin, Van Gogh e Cézanne. Non c'è un motivo che unisce i quadri dei pittori post-impressionisti. L'unico motivo che li accomuna è il periodo storico in cui sono stati dipinti, i soggetti figurativi e una tecnica simile a quella impressionista. Troppo poco per poter parlare di movimento artistico.

REALISMO ASTRATTO - 1949 - I due termini sono in antitesi. Il pittore Gastone Biggi si propone di contestare la contrapposizione tra pittura relaista e astrattismo. Non mi sento di parlare di movimento in quanto il Biggi resta il promotore e il sostenitore di questa teoria. Nel 2005 pubblicherà il manifesto del realismo astratto.

STREET ART - 1975 / 1980 - Movimento che non ha nulla di artistico. Si pone l'obiettivo di imbrattare i muri delle case.

SURREALISMO - 1924 - Questo movimento può essere considerato come una evoluzione del movimento Dada. Il surrealismo sorge in Francia quando venne pubblicato il "Manifeste Surréaliste" nel 1924. Il principale teorico del movimento è stato il poeta André Breton. L'idea era quella di esprimere con la pittura o con la letteratura quanto veniva suggerito dai sogni. Le affermazioni nel campo della psicanalisi di Sigmund Freud furono molto importanti nell'ispirare i pittori surrealisti.  I principali esponenti sono stati Joan Mirò, Salvador Dalì, René Magritte, Man Ray, Max Ernst, Marcel Duchamp e tanti altri.


o  o  O  O  O  o  o 

I movimenti artistici qui elencati hanno un elemento ispiratore comune: tutti negano in tutto o in parte le espressioni artistiche precedenti. Nessuno è stato in grado di proporre regole o un indirizzo alternativo. Tutti questi movimenti hanno avuto breve durata. Negare il passato e rinnegare la memoria sono i più importanti atti di stupidità che possono fare gli uomini.

Nel ventesimo secolo ha dominato la contestazione di quanto è stato fatto prima. Non c'è stata una proposta creativa. E' stato il secolo della decadenza totale. Nemmeno il secolo che ha preceduto l'anno 1000 è stato così disastroso. 

Carlo Govoni pittore è su Facebook

facebook-govoni-quadriitaliani

Carlo Govoni pittore
lo trovi anche su
Facebook

https://www.facebook.com/Carlo-Govoni-pittore-273732089434160/

 danzatrice-ventre-govoni

Esposizioni d'Arte consigliate da quadriitaliani.it

LA RACCOLTA INGEGNOLI
Boldini, D e G Induno,
Fattori e altri
MILANO
BOTTEGANTICA 

via Manzoni, 45
dal 13 ott. al 3 dicem. 2017
info +39 0262695489

 

GUIDO RENI
dal 30 maggio 2017

al 5 novembre 2017
NICOSIA (ENNA)
Chiesa di San Calogero

info  3202727339 

 

 

ANDREA PROCACCINI Argo e Mercurio
I Capolavori dell'Accademia
Nazionale di San Luca
Da Raffaello a G.Balla

Forte di Bard, AOSTA

Dal 1° luglio 2017
al 7 gennaio 2018

info: (+39) 0125833811

 

DENTRO CARAVAGGIO
Palazzo Reale - MILANO
dal 29 settembre 2017

al 28 gennaio 2018

 

Arte e Salute

Arte e Salute è una rubrica a cura di Carlo Govoni sulla rivista DIAGNOSI E TERAPIA. La rivista è in distribuzione gratuita nelle farmacie. Potrete anche trovarla al sito http://www.det.it/

logoDiagnosiTerapiaP2

Un articolo sulla "fruttiera di persici" di Ambrogio Figino, è presente sul numero 9 del 20 novembre 2016 a pagina 11

Figino Ambrogio fruttiera persici

Sul numero che uscirà a settembre ci sarà un articolo sul quadro "Santa Elisabetta cura i tignosi" di Esteban Murillo.

Prospettiva aerea

"D'un medesimo colore posto in varie distanze ed eguali altezze, tale sarà la proprorzione del suo rischiaramento quale sarà quella delle distanze che ciascuno di essi colori ha dall'occhio che li vede." Leonardo da Vinci (1452 - 1519)
Questa è la prima regola della prospettiva aerea.

Joomla templates by Joomlashine