quadriitaliani.it

Rassegna di pittori italiani

Solo quadri di artisti che utilizzano un linguaggio pittorico chiaro e aderente alla realtà.  Immagini, ma anche conversazioni e saggi su tecnica e interpretazione della pittura e della storia dell'arte.

Telefono (+39) 3358040811

Toccanti opere ad olio in esposizione alle Assicurazioni Generali di Reggio nell’Emilia

Nei quadri di Carlo Govoni una impronta che va oltre la tecnica

 

Il rispetto delle leggi della natura per esprimersi liberamente anche con le regole dell’arte verso una dimensione senza tempo

 

Articolo di Nicola Valli

Ho conosciuto pittori preoccupati di essere originali ed in ogni loro quadro c’è una ricerca del nuovo a tutti i costi. Altri cercano di mettere nei quadri ciò che non si può dipingere come i sogni e le emozioni. Altri ancora vogliono stupire con effetti speciali oppure percorrono strade già indicate da altri. Ho conosciuto anche uomini che si sono svegliati una mattina, hanno comperato il necessario per dipingere e si sono autodefiniti pittori.
Carlo Govoni non rientra in nessuna di queste categorie. E’ un reggiano che studiato al liceo artistico di Bergamo, ha seguito gli insegnamenti di pittori figurativi, ha continuato a studiare fino a diventare professore di disegno e storia dell’arte.
Egli è un pittore che conosce bene le regole della pittura. “Regole della pittura” è un’espressione inconsueta per molti osservatori dell’arte contemporanea. Non è così. Le regole esistono, ma spesso le abbiamo dimenticate. Con regole s’intende la conoscenza di tutto ciò che in natura governa la rappresentazione della realtà. Le fondamenta sono le leggi del disegno e della prospettiva lineare. Poi si aggiungono le conoscenze delle teorie sui colori, della loro complementarietà e della percezione visiva. Ancora non basta, un pittore deve avere una cultura storico-artistica. Chi dipinge deve conoscere i maestri del passato sia per gli aspetti tecnico-formali e sia per i contenuti che hanno espresso. Govoni ha fatto tutto questo. Nei suoi quadri non c’è nulla d’improvvisato. Il disegno, la preparazione dei colori, la loro stesura e fino alle velature tutto si muove verso un unico fine: creare un’opera piacevole e tecnicamente ben realizzata.
Govoni considera la pittura una lingua universale che ha una sua sintassi ed una sua grammatica. A differenza di una lingua dove le regole sono stabilite dagli uomini la rappresentazione della realtà si caratterizza per regole presenti nella natura. Gli artisti del passato le hanno semplicemente scoperte analizzando razionalmente il microcosmo che ci circonda.
Secondo Govoni la strada che inizia con l’analisi razionale della realtà per poterla trasformare in un’immagine bidimensionale è un percorso che non si deve cambiare. Col passare dei secoli la realtà si è modificata nel senso che sono cambiati i soggetti, ma non sono cambiate le regole per rappresentarla.
Un esempio è il quadro di un tramonto a Marghera dove i fumi delle ciminiere si confondono con le nuvole. In quest’opera la tecnica è ben consolidata, i fumi densi sono un segno positivo e negativo. Il degrado ambientale si contrappone al lavoro.
Nella sede della più importante compagnia di Assicurazione italiana sono esposti altri quindici quadri a soggetto paesaggistico. L’acqua è un tema ricorrente e non potevano certo mancare alcune vedute veneziane e del lago Maggiore. Chi conosce Govoni sa che ama Venezia e per tanti anni ha vissuto sulle rive del Verbano.
E’ sufficiente osservare un qualsiasi quadro di Govoni per capire quanto importante sia il concetto della profondità di campo.
I riflessi sull’acqua sono anch’essi eseguiti a regola d’arte. Per quanto attiene al colore ci preme sottolineare come sia evidente la fusione di numerosi passaggi tonali e l’introduzione delle velature.
Tutte le opere esposte sono realizzate ad olio. Questa è una scelta molto precisa perché i quadri ad olio hanno una notevole resistenza nel tempo. Govoni vuole che i suoi dipinti siano durevoli ed ha sempre affermato che «… un quadro vive per sempre.»
Guardando queste tele non ci sono dubbi. Sono tutti dipinti con una tecnica molto raffinata ed esprimono una sensazione di serenità. Non c’è nessuna volontà di aggredire l’osservatore o metterlo in una condizione d’ignoranza nei confronti dell’arte.
Govoni esprime semplicità, chiarezza, ordine. Non vuole inseguire una fantomatica libertà che poi si trasforma in una produzione caotica e incomprensibile. Per lui la libertà espressiva la si ottiene solo col rispetto delle leggi.

 

L'esposizione si è svolta nei mesi di Aprile/Maggio 2013 presso agenzia  ASSICURAZIONI GENERALI   via Alberto Pansa, 33  -   REGGIO EMILIA

 

 

Il presente articolo di Nicola Valli è stato pubblicato a pag 36 del quotidiano PRIMA PAGINA  del giorno martedì 23 aprile 2013.

www.lanuovaprimapagina.it

 PrimaPagina23-04-2013

Arte e Salute

Arte e Salute è una rubrica a cura di Carlo Govoni sulla rivista DIAGNOSI E TERAPIA. La rivista è in distribuzione gratuita nelle migliori farmacie. Potrete anche trovarla al sito http://www.det.it/

logoDiagnosiTerapiaP2

Un articolo sulla "fruttiera di persici" di Ambrogio Figino, è presente sul numero 9 del 20 novembre 2016 a pagina 11

Figino Ambrogio fruttiera persici

Sul numero di settembre 2017 è stato pubblicato un articolo sul quadro "Santa Elisabetta cura i tignosi" di Esteban Murillo.
Altri articoli sono sulla notte di Natale del Correggio, sul medico chirurgo Billrhot, sul medico Jgnàc Semmelweis, sul freddo e l'inverno, su "scienza e carità" di Pablo Picasso.

Altre esposizioni d'Arte consigliate da quadriitaliani.it

Carlo Bonone (o Bononi)
Museo Diocesano
via Vittorio Veneto - REGGIO EMILIA

Aperto dall'11 maggio 2017
Per informazioni
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Carlo Bononi
L'ultimo sognatore 
dell'Officina ferrarese
Palazzo dei Diamanti
FERRARA
In programma 
dal 15 ottobre 2017
al 7 gennaio 2018 

 

Uno scrigno per l'arte.
Dipinti antichi e moderni
dalle raccolte BPER Banca
MODENA
via Scudari, 9

da sabato 2 dicembre 2017

 

Giambattista Tiepolo Trionfo di Anfitrite olio su tela Collezione privata

Seduzione e potere,
la donna nell'arte tra 
Guido Cagnacci e
Giovan Battista Tiepolo.
Chiesa di S. Francesco
GUALDO TADINO (PG)

aperta fino al 3 dicembre 2017

quadriitaliani.it SU FACEBOOK

Questo sito ha una pagina su facebook facebook-govoni-quadriitaliani . Ovviamente la pagina si chiama quadriitaliani.

La potete trovare a questo link https://www.facebook.com/Quadriitaliani-1513937212247233/

Per mantenere i contatti con coloro che scrivono su questo sito o per essere aggiornati basta fare un clik su MI PIACE

Bassetti marcantonio paradiso

Prospettiva aerea

"D'un medesimo colore posto in varie distanze ed eguali altezze, tale sarà la proprorzione del suo rischiaramento quale sarà quella delle distanze che ciascuno di essi colori ha dall'occhio che li vede." Leonardo da Vinci (1452 - 1519)
Questa è la prima regola della prospettiva aerea.

Meglio è la piccola certezza che la gran bugia.  Leonardo da Vinci (1452 - 1519)

L'essere umano ha poche certezze: questa è la vita. Tra coloro che si qualificano esperti d'arte ci sono grandi bugiardi che sostengono l'astrattismo, la street art e tutte le innumerevoli degenerazioni che da un centinaio d'anni si susseguono senza fine. In questo sito si vuole stare dalla parte delle piccole certezze.

Joomla templates by Joomlashine